Finestreweb

le imprese ed i prodotti dell'involucro edilizio

TRASMITTANZA TERMICA

TRASMITTANZA TERMICA

AGGIORNAMENTI SULLE DUE PARTI DELLA UNI EN ISO 10077

 

La norma principale sulla misura della trasmittanza termica dei serramenti è stata aggiornata. I riferimenti sono le due parti della UNI EN ISO 10077:

  • UNI EN ISO 10077-1:2018 Prestazione termica di finestre, porte e chiusure oscuranti - Calcolo della trasmittanza termica - Parte 1: Generalità;
  • UNI EN ISO 10077-2:2018 Prestazione termica di finestre, porte e chiusure oscuranti - Calcolo della trasmittanza termica - Parte 2: Metodo numerico per i telai.

Queste norme hanno avuto degli aggiornamenti per essere adeguate sia alla tecnologia della produzione dei serramenti sia alla giusta correzione del sistema di calcolo stesso. La parte 1 della norma rimane incentrata sul calcolo della trasmittanza termica del serramento (telaio + vetro + trasmittanze lineari); la seconda parte si concentra come nel passato sul calcolo, con l'ausilio di software agli elementi finiti, del solo telaio dei serramenti. Riporta però delle novità importanti su come devono essere considerate la cavità delle sezioni (tipiche nel pvc e nell'alluminio/leghe). In particolare la conduzione del calore all'interno della cavità deve essere calcolata tenendo conto del metodo della "radiosity" che considera lo scambio del calore in maniera omnidirezionale. Tutto questo si traduce con dei sensibili miglioramenti, a parità di sezione, nel calcolo della trasmittanza termica misurata in W/m2K.

Nel mondo dei serramenti il dato è uno di quelli obbligatori da dichiarare in etichetta CE ed è, giustamente, il valore principe nelle trattative dato che il risparmio energetico rimane e rimarrà ancora per molto l'argomento principale nella costruzione degli edifici.

L'altro metodo per calcolare questo valore è il metodo delle camere calde (HotBox) dedicato ad una misura non teorica ma scientifica del passaggio di calore in un elemento verticale. La metodologia è basata posizionando il serramento o il telaio come elemento di separazione fra due camere (una a 0 °C una a 20 °C) e verificare anche qui i W/m2K.

Nel campo della posa in opera invece non ci sono aggiornamenti normativi di sostanza sul sistema di verifica dei ponti termici; le due norme di riferimento sono le:

  • UNI EN ISO 10211:2018 Ponti termici in edilizia - Flussi termici e temperature superficiali - Calcoli dettagliati;
  • UNI EN ISO 13788:2013 Prestazione igrotermica dei componenti e degli elementi per edilizia - Temperatura superficiale interna per evitare l'umidità superficiale critica e la condensazione interstiziale - Metodi di calcolo.

Questi due metodi sono impiegati per verificare il flusso di calore e la possibile formazione di condensa in una sezione muraria comprendente una porzione di serramento. I principali enti di certificazione degli edifici le pretendono quale verifica di una corretto posizionamento del serramento nel vano murario e sono utilizzate proprio con la serie delle norme UNI/TS 11300 Prestazioni energetiche degli edifici per la verifica del comfort all'interno degli edifici. Sono anche le due norme di riferimento con i quali si chiede di progettare il nodo primario e secondario con la UNI 11673-1:2017 Posa in opera di serramenti - Parte 1: Requisiti e criteri di verifica della progettazione.

 

Soudatherm SFI 600P è la soluzione di Soudal per migliorare l’isolamento termico del serramento.

E’ un adesivo/sigillante poliuretanico in schiuma in speciali bombole ad alta pressione per sigillare, in modo economico pulito e durevole vetrocamera su profili di finestre in alluminio, PVC e legno. Il sigillante può essere applicato efficientemente e rapidamente utilizzando una pistola regolabile. Le bombole da 10,4 Kg sviluppano un notevole volume di sigillante, in funzione delle condizioni ambientali di temperatura e umidità.

PRINCIPALI CARATTERISTICHE

  • Ottime capacità di adesione ed isolamento tra la vetrocamera e profilo.
  • Migliora di circa il 10% le prestazioni termiche del serramento. Test effettuati presso il Cert di Treviso - Rapporti di prova n°436/15 e n° 437/15.
  • Migliora inoltre la struttura meccanica del serramento.
  • Facile da usare, consente risparmi di tempo superiori al 30% comparato con i sigillanti tradizionali.
  • Facile da rimuovere in caso di sostituzione della vetrocamera.
  • Si può applicare anche verticalmente e consente una rapida movimentazione.
  • Non contiene propellenti infiammabili.
  • Può essere utilizzato su superfici con temperature esterne da +5°C, la temperatura del prodotto deve essere almeno di +10°C.

Si possono ottenere oltre 2000 metri di sigillatura in una sezione.

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi